Anche l’occhio vuole la sua parte: le pallasiti

Prima di partire da Milano per Pisa e ritornare alla base dopo la settimana francese, mi è arrivata una notifica su Facebook: una mia amica aveva condiviso un link sulla mia bacheca. Il link riguardava Fukang una pallasite di poco superiore a 1 kg trovata nel 2000 a Fukang nella regione di Xinjiang in Cina. Colgo quindi questa occasione per parlarvi di quella che per me è la classe più bella di meteoriti: le pallasiti.

fukanghttp://www.tucsonmeteorites.com

Le pallasiti appartengono alla categoria delle stony-irons insieme alle mesosideriti. Il termine stony-irons indica che queste meteoriti sono costituite per metà da minerali silicatici (stony) e per metà da metallo. Nonostante ci siano numerosi dubbi sull’origine delle pallasiti, una delle ipotesi più accreditate è che queste meteoriti provengano dall’interfaccia nucleo-mantello di corpi solidi differenziati, come la Terra.

interno terra

Nelle pallasiti la componente silicatica è rappresentata per la quasi totalità da un solo minerale l’olivina. L’olivina è un silicato di magnesio e ferro (Mg,Fe)2SiO4. Sulla Terra questo minerale lo troviamo in diverse rocce in particolare in quelle ignee come i basalti o i gabbri (le rocce ignee sono quelle che si formano per il raffreddamento di un fuso magmatico). L’olivina è anche un minerale molto comune delle meteoriti.

Il nome olivina vi ricorda qualcosa? – Le olive! Esatto! Anziché dedicare questo minerale a qualcuno per il nome questo minerale si ci è affidati alle sue caratteristiche estetiche… Colore tipico dell’olivina è, infatti, il verde oliva, in realtà il colore varia dal giallo a bruno in funzione principalmente dei contenuti di ferro e nichel. Alcune varietà vengono anche utilizzate come gemme preziose.

olivina wiki 2 olivina wiki(Fonte Wikipedia)

Contrariamente al metallo l’olivina è un minerale trasparente, che vuol dire che può essere attraversato dalla luce. Ed ecco che le fettine di pallasite sono molto estetiche. Non la penso solo io così… questo è anche dimostrato dal loro valore commerciale. Per acquistare una fetta di 210 g di Esquel (tra le pallasiti finora note sicuramente la più bella) oggi servono poco più di 2930 euro…sappiate che il 9 marzo è il mio compleanno e che  prima ci sarebbe anche il Natale ;).

800px-Esquel(Fonte Wikipedia)

Prima di concludere questo post e lasciarvi ammirare in tutta calma le foto di alcune pallasiti  voglio spendere giusto due parole sul metallo delle meteoriti e delle pallasiti. Per oltre il 99 % in peso il metallo delle meteoriti è costituito da ferro e nichel. Il nichel varia tra 5 e 60 % in peso. Spesso il metallo è formato da due leghe una più ricca di nichel (circa 30 % in peso) e l’altra meno (circa 4-5 % in peso) che danno luogo a delle strutture particolari e uniche note come figure di Widmanstätten . Il metallo delle pallasiti è caratterizzato da queste figure e mediamente contiene tra il 7 e il 15 % in peso di nichel.

seymchanPallasite Seymchan, da notare la struttura del metallo, struttura analoghe si trovano in diverse meteoriti metalliche e prendono il nome di figure di Widmanstätten (Fonte http://www.arizonaskiesmeteorites.com/AZ_Skies_Links/Seymchan/2310gSeymchan/index.html)

Annunci

Pubblicato il 13 ottobre 2013, in Curiosità meteoritiche, Qualche nozione con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 6 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: