No-Go – 3

25/11/2012 ore 22:01

“Si parte alle 10:30 tutti pronti alle 8:15”. Così ci eravamo lasciati la sera prima. Alle 7 invece abbiamo saputo che se si partiva la partenza sarebbe avvenuta dopo le 12, ma alle 12 ci è stato comunicato il terzo NO-GO. Quindi siamo ancora a Christchurch. Stamattina, poiché non potevamo allontanarci causa immediata partenza ho iniziato a pianificare l’articolo sul metamorfismo da shock e poi ho discusso con Luigi delle evidenze chimico-petrografiche di NWA 6583 per cercare di tirar fuori un modello quanto più plausibile, speriamo che i suoi consigli mi aiutino a risolvere questo enigma. (I primi di ottobre l’articolo è stato accettato per la stampa).

Abbiamo pranzato all’Antartic Centre con hamburger e patatine. Mi sento un po’ in colpa per aver mangiato delle schifezze visto che il mio colon ha deciso da poco di tornare a lavorare (forse un paio di giorni di no-go ci volevano).

Nel pomeriggio ho sentito l’esigenza di un po’ di sport, vista anche la bella giornata. Ho camminato per 17 km: hotel – lago Victoria – hotel. Ho impiegato 2:46 minuti. Veramente rigenerante tanto che ora nonostante un leggero affaticamento alle gambe mi sento bella pimpante. Spero di aver modo di fare sport anche in Antartide, anche se prima di tutto spererei di partire!!!

Claudio (che resta qui in Nuova Zelanda all’accoglienza) ci ha detto che domani si partirà quasi sicuramente, e ha fatto la battuta che non ci vuole più vedere e che gli siamo venuti a noia, un po’ come il pesce… Tra le altre cose se domani non partissimo avremmo due seri problemi: il primo logistico e il secondo logistico-scientifico. Il primo è che qui al Sudima non ci sono camere libere a sufficenza per domani notte, quindi qualcuno dovrà cambiare hotel. Il secondo riguarda la durata dei campi remoti. Infatti qui con noi ci sono delle persone che hanno un campo remoto di 18 gg subito prima del nostro. Ritardando il loro ritardiamo anche noi, o meglio le giornate potrebbero subire una diminuzione, quindi meno giornate di lavoro. Speriamo comunque bene e non facciamoci prendere dallo sconforto e dall’ansia dell’arrivo in Antartide che se no si rischia di diventare solo nervosi.

E per il momento buona notte. Fingers crossed per domani!!

Agnese

Annunci

Pubblicato il 25 novembre 2013 su Agnes in Antartide. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: